INTERVISTA AD ANDREA BORRELLI

INTERVISTA AD ANDREA BORRELLI DEI SORRY WILSON intervista di DANIELE PIETRINI

Melody Lane ha intervistato il batterista Andrea Borrelli che, insieme a Daniele Gizzi hanno dato vita al progetto musicale SORRY WILSON. Con lui abbiamo parlato del loro processo creativo e dei loro Ep "Normale"  e "Laggiù".

 

MELODY LANE: SORRY WILSON, prima di tutto: di dove siete, l'età media della band

ANDREA BORRELLI: I SORRY WILSON sono oramai un collettivo di musicisti gestito da Daniele Gizzi e Andrea Borrelli. Possiamo dire che l'età media è di circa 40 anni e i componenti vivono tutti più o meno stabilmente a Roma.

 

MELODY LANE: Quali sono i gruppi che vi hanno maggiormente ispirato e le vostre band preferite?

ANDREA BORRELLI: L'elenco sarebbe lunghissimo e variegato. ma possiamo dire che U2, Police, Beatles, Bowie, Miles Davis, Parker e Coltrane hanno contribuito molto alla nostra formazione. Fra gli italiani, Elio e le storie tese, i Subsonica, Dalla, De Andrè...La lista è lunghissima...

 

MELODY LANE: Qual è stata la più grande conquista fino ad oggi e qual è il prossimo obiettivo da raggiungere nel breve periodo?

ANDREA BORRELLI :Sicuramente l'apertura del concerto dei Verdena a Gallipoli nel 2015 e prima l'esordio radiofonico live on air dalle frequenze di Radio Rock sono due d gli obiettivi che ci hanno reso orgogliosi per la possibilità che ci hanno dato di pubblicizzare la nostra musica attraverso il live che è la formula che preferiamo. Ad oggi ci piacerebbe promuovere la nostra musica in spazi anche al di fuori della capitale dedidicati alla musica indipendente.

 

MELODY LANE: Cos’è, secondo te, che rende i SORRY WILSON diversi dalle altre band e quale delle vostre canzoni definisce al meglio il vostro sound?

ANDREA BORRELLI: Probabilmente il fatto che il progetto musicale si può dire sia iniziato sui banchi di scuola delle elementari frequentate 35 anni orsono dai due fondatori. Abbiamo l'illusione e la speranza che tutta quella sintonia e tutta quella confidenza traspaiano dalla musica.  I brani che meglio rappresentano a nostro avviso lo spirito dei SW sono 'Normale' del primo omonimo EP e 'Libertà' dell'ultimo lavoro intitolato 'Laggiù'.

 

MELODY LANE: che differenze ci sono fra L'Ep "Normale" e l'album "Laggiù"? A distanza di tempo, siete completamente soddisfatti o ci sono scelte che non rifareste a livello compositivo o di sound?

ANDREA BORRELLI: L’EP “normale” è stato il nostro primo lavoro: forse eseguito più di pancia e con il cuore che con meditazione e ragionamenti sul risultato finale. Forse è stato questo il suo punto di forza: l’assenza di particolari ambizioni se non quella di uscire dallo studio di registrazione senza rimpianti e con un prodotto che suonasse bene alle nostre orecchie, consapevoli di aver dato il massimo.

“Laggiù” ha sicuramente una produzione più matura con brani più ricercati negli arrangiamenti e con testi che scavano più in profondità. Dopo 3 anni le nostre vite sono cambiate e di pari passo la nostra musica; e questo ci piace. Durante la lavorazione in studio abbiamo posto estrema attenzione ai suoni e alle parole, che insieme fanno di un brano pop una canzone.

Nel nostro prossimo lavoro ci auguriamo di mixare al meglio le due esperienze passate: recuperare un po’ più di “pancia” e di spontaneità degli inizi con la consapevolezza e le atmosfere create in “Laggiù”.

 

MELODY LANE: Diteci qualcosa riguardo al processo creativo della musica dei SORRY WILSON. C’è un compositore principale o è un lavoro di gruppo?...Chi si occupa dei testi?

ANDREA BORRELLI: Il processo compositivo scaturisce da un lavoro a quattro mani all’interno del quale c’è totale flessibilità nei ruoli: è capitato spesso che melodia e testi siano stati inseriti da chi suona la batteria su un’idea di groove e suoni portati da chi li deve cantare. Crediamo che oggi nella musica siano i suoni e le idee a fare la differenza. Ciascuno può condividere un’idea di suono, groove, melodia o testo a prescindere dal suo strumento. In alcuni casi questa fusione di idee crea magicamente brani già strutturati , arrangiati e pronti per l’uso; In altri si lavora insieme di più sugli arrangiamenti e sui testi.

MELODY LANE: Diteci due band del panorama attuale, con cui vi piacerebbe andare in tour al momento
ANDREA BORRELLI: Ci piacerebbe andare in tour con i Subsonica oppure con il trio Fabi-Silvestri-Gazzè sia per amor di patria che per la genialità compositiva che pervade negli arrangiamenti e nei testi.

 

MELODY LANE: Avete già date confermate nei prossimi mesi in Italia o all’estero?

ANDREA BORRELLI: La prossima data è un progetto speciale che però siamo costretti a svelare più avanti. Magari concordando con voi una deliziosa anteprima?

 

MELODY LANE: Per chiudere…Un messaggio a tutti i lettori di MELODY LANE…

ANDREA BORRELLI: Mai come in questo momento è necessario reinventarsi e inventare nuove idee e nuovi spazi reali e virtuali dove comporre musica e promuoverla.

'Grandi menti parlano di idee, menti mediocri parlano di fatti, menti piccole parlano di persone' (Cit.)

 

~ Follow Sorry Wilson ~

Official web:www.sorrywilson.com
Twitter: https://twitter.com/SorryWilsonBand
Intagram: https://www.instagram.com/sorrywilsonband/